Siamo tutti Leopardi col virus degli altri

AA Updated

Sempre caro mi fu quest'ermo domicilio,
E questa finestra, che da tanta parte
Dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
Spazi di là da quella, e sovrumani
Silenzi, e profondissima quiete
Io nel pensier mi fingo; ove per poco
Il cor non si spaura. E come il virus
Odo stormir tra queste genti, io quello
Infinito silenzio a questa voce
Vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
E le morte persone, e la presente
E viva, e il suon di lei. Così tra questa
Immobilità s'annega il pensier mio:
E il navigar m'è dolce in questo web.

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!
Hai gia un account?
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Voto
Esprimi il tuo voto su questa barzelletta.
Commenti